Scuola chiusa? I docenti del Meucci non temono il virus.

I professori del Liceo Antonio Meucci cominciano a fare lezione con il metodo della didattica a distanza.

Non sarà certo un virus qualunque, come il Coronavirus, a fermare i professori del Meucci che hanno abbracciato il metodo della didattica a distanza per non restare troppo indietro con il programma. Già una settimana fa, infatti, tutte le attività extracurriculari erano state interrotte, all’interno della scuola, per limitare al minimo i contatti; successivamente la situazione è peggiorata in Italia e il premier Giuseppe Conte ha, di conseguenza, chiuso tutte le scuole dello Stato fino al 15 marzo.

E per il programma? La chiusura, infatti, porta un inevitabile problema per i professori e per gli studenti che devono necessariamente fare lezione e concludere il programma scolastico. Fortunatamente, al liceo Meucci, i docenti non si arrendono facilmente e si sono adattati alle misure restrittive del governo.

In che modo? Tramite la didattica a distanza. Molti insegnanti, infatti, stanno facendo lezione via skype o tramite la piattaforma Moodle, di cui dispone la scuola, per non restare completamente fermi per i prossimi 10 giorni.

Per far funzionare tutto per il meglio, inoltre, il professor Di Nucci, nonché gestore del sito della scuola, ha aiutato i docenti a comprendere meglio il funzionamento delle varie app anche se, già da inizio anno scolastico, i docenti venivano preparati molto bene a riguardo.

Chiara Ruocco 4R