Come sarà la vita dopo il coronavirus?

Stare a casa ha cambiato le vite di tutti: tra mascherine e divieti, gli italiani sognano di tornare quanto prima alla loro routine

A causa del lockdown è stata stravolta la quotidianità di tutti gli italiani, in un periodo in cui uscire significa rischiare di ammalarsi. La preoccupazione principale resta un eventuale ricaduta che porterebbe con sé norme ancor più restrittive.
Ma la vera domanda è: come sarà il mondo quando tutto questo finirà?

Molti provvedimenti presi, per esempio lo smart working e le classi digitali, avranno un forte impatto sulla vita di lavoratori e studenti. L’evento ha generato un impulso alla digitalizzazione, in un mondo in cui gran parte della vita è già online. Le piattaforme in rete non sono più riservate ai giovani ma costituiscono un importante mezzo di comunicazione anche per gli anziani, grazie alle quali posso rimanere in contatto con i loro cari.

Non solo, molti eventi sociali come concerti, esibizioni e spettacoli hanno la possibilità di sperimentare realtà inusuali, potenzialmente proficue; basti pensare al concerto di Travis Scott, in live su Fortnite, un videogioco molto in voga al momento. Inoltre, l’impossibilità di uscire di casa e il molto tempo libero hanno spostato l’attenzione degli italiani su corsi fitness online. Probabilmente tutto ciò porterà molte persone a prediligere, anche dopo il ritorno alla normalità, l’allenamento casalingo piuttosto che quello in palestra.
Il distanziamento sociale però, non ha cambiato solo le giornate ma anche le relazioni interpersonali. È duro pensarlo ma si inizia ad avere paura delle persone, non solo di essere contagiati ma anche di contagiare. L’assenza di un metodo di protezione certo genera angoscia nella mente delle persone, ostacolando le azioni necessarie e quotidiane.
In conclusione, non ci sono certezze, solo il futuro mostrerà gli effetti a lungo termine di un disastro di tale portata.

Ludovica Prezioso 5X