Avvio dell’a.s. 2020/21

Scrivo per aggiornare gli studenti, le famiglie e i docenti sull’avvio dell’a.s. 2020/21.

Io e un gruppo di lavoro, che ringrazio a nome di tutti, stiamo procedendo alla individuazione degli spazi per la didattica, dei percorsi di entrata e di uscita, delle vie di accesso e di deflusso per prevenire gli assembramenti, a simulare le aule, a misurare, a disporre banchi. Questa operazione è stata ripetuta varie volte, a seconda delle diverse disposizioni ministeriali che giungono alle scuole. Si sta cercando di favorire la ripresa delle attività in un complesso equilibrio di sicurezza, in termini di contenimento del rischio di contagio, benessere socio emotivo di studenti e lavoratori, qualità dei contesti e dei processi di apprendimento.

Ad oggi posso dire questo:

– le classi non verranno divise: gli studenti faranno lezione con tutti i loro compagni. Per questo verranno utilizzati come aule anche i 4 laboratori, la palestra del plesso A, la sala conferenze e l’auditorium. Ho chiesto, inoltre, all’Ente Provincia di abbattere 4 tramezzi per realizzare 4 ambienti molto grandi; mi hanno garantito che lo faranno

– per questo motivo ho comunicato all’Ente Provincia che la palestra dovrà essere a uso esclusivo del Liceo Meucci

– verrà applicato il limite di distanziamento previsto dal Comitato Tecnico Scientifico, ma anche la normativa specifica riguardante la sicurezza, che nella nostra scuola è stata sempre rispettata

– ho chiesto organico aggiuntivo per i collaboratori scolastici: soltanto avendone in numero maggiore si potranno scaglionare gli accessi degli studenti

– tutti i nostri banchi sono monoposto, abbiamo già provveduto in tal senso

– abbiamo acquistato prodotti per la sanificazione, per l’igienizzazione delle mani (ci sarà un dispencer per ogni classe), mascherine, visiere per i docenti

– i collaboratori scolastici sono stati formati in modo apposito. A Settembre verranno formati anche i docenti grazie a un intervento programmato con la ASL.

E’ impossibile prevedere quale sarà la situazione dei contagi da qui ai primi di Settembre. E’ necessario, inoltre, attendere gli esiti delle mie richieste per definire il piano ultimo. La criticità del nostro Istituto, visto il sovradimensionamento, è l’accesso e il deflusso degli studenti. Qualora sarà necessario, e come estrema ratio, si ricorrerà a una percentuale di DAD.

Di certo è richiesto l’impegno di tutti, famiglie, studenti, personale. Il rispetto delle regole e dei protocolli sarà l’unica protezione che avremo. Non esiste il rischio zero e stare in un ambiente in circa 20/27 persone, per quanto distanziate e con i DPI, comporta un rischio. Soprattutto tenendo conto che all’esterno della scuola la vita è ripresa regolarmente e senza limitazioni. Soltanto il rispetto di quanto sarà previsto e comunicato a Settembre potrà aiutare tutti noi ad avviare e a vivere il tempo scuola con serenità. Collaborazione, fiducia e pazienza: il Liceo Meucci ha dimostrato di essere forte ogni volta che ha agito come comunità.

I nostri studenti durante la DAD hanno confermato di essere consapevoli e maturi: io sono stata orgogliosa di loro e dei docenti. Insieme hanno dato vita a un modo nuovo, che può essere migliorato, ma che è un ottimo punto di partenza. Questo momento difficile è il miglior banco di prova per le competenze di Cittadinanza e Costituzione che la scuola dovrebbe sviluppare nei nostri ragazzi. Possiamo guardarlo come una opportunità, dunque. Per farlo è necessaria una grande collaborazione famiglie-scuola: da soli non possiamo riuscire.

Ringrazio, quindi, i docenti, gli studenti, le famiglie, il personale tutto: con pazienza e resilienza siete riusciti a far vivere la scuola. E la faremo vivere anche il prossimo anno.

Vi auguro una estate serena e di riposo.

A Settembre ricominceremo.