Frequenza delle lezioni, ingressi in ritardo, uscite anticipate nella didattica a distanza

Perché la scuola possa raggiungere i suoi obiettivi formativi è necessaria la condivisione e il rispetto delle regole che ne disciplinano il funzionamento e sono finalizzate, in ultima istanza, al raggiungimento degli obiettivi stessi.
La presenza e l’ordinata partecipazione degli alunni alle lezioni, sia fisicamente a scuola che a distanza, costituiscono un aspetto fondamentale della vita scolastica. È quindi fondamentale che essi siano puntuali anche nella didattica a distanza, che “entrino” a lezione alle 8:20 o, per giustificato motivo, all’inizio della seconda ora (9:20), nel rispetto del Regolamento d’Istituto. Ci saranno di norma 5 minuti di tolleranza. Solo in caso di prestazioni sanitarie presso strutture pubbliche (SSN o convenzionate) o prelievi di sangue saranno ammessi studenti oltre le 9:20. In tal caso il genitore dovrà inviare l’attestato della struttura all’indirizzo e-mail della scuola e darne immediata comunicazione telefonica alla vicepresidenza, che autorizzerà il docente ad accogliere lo studente fuori orario.
Eventuali “uscite” anticipate dovranno essere eccezionali ed essere puntualmente giustificate dai genitori.
Non possono essere ammesse partecipazioni saltuarie alle lezioni nel corso della mattinata.
Si esortano gli alunni ad avere un comportamento serio e responsabile, nel rispetto dei propri doveri scolastici, e i genitori a provvedere alla debita vigilanza.
Le assenze nella didattica a distanza debbono essere puntualmente giustificate e sono a tutti gli effetti assenze dalle lezioni.
I docenti applicheranno regolarmente quanto previsto dal regolamento e vigileranno sul rispetto delle norme, ricorrendo, qualora fosse necessario, alla segnalazione delle irregolarità ai genitori e alla vicepresidenza e all’eventuale sanzione, nei casi e con le modalità disciplinate nel regolamento stesso.