IL CYBERBULLISMO: UNO DEI PROBLEMI PIÙ DIFFUSI NELLA SOCIETÀ ODIERNA

Il fenomeno del cyberbullismo è un campanello di allarme che caratterizza l’attuale società, ma alcuni dati statistici riportano come questo evento sia accresciuto grazie all’epidemia negli ultimi tempi.

Il cyberbullismo è un fenomeno che consiste in aggressioni, pressioni, molestie, ricatti, ingiurie e denigrazioni da parte di soggetti in danno ad altri attraverso il web e altri strumenti telematici. È un fenomeno che purtroppo si sta ampiamente diffondendo negli ultimi anni: oltre la metà degli adolescenti è vittima di cyberbullismo. Nella maggior parte dei casi sono i giovani in età compresa tra gli 11 e i 17 anni ad esserne soggetti, ma ciò accade anche tra i giovanissimi con età inferiore ai 10 anni. Tramite alcuni studi, inoltre, si è notato di come questo fenomeno sia in aumento nel periodo di pandemia. Secondo quanto è emerso dallo studio dell’Osservatorio Regionale del Lazio, Roma è la città con più casi, con una percentuale del 47,5%.

Le conseguenze del cyberbullismo sulla psicologia e sulla vita sociale delle vittime possono essere molto gravi tanto che alcune di loro tentano il suicidio; nei casi più disperati e quando ad essere colpiti sono più deboli e fragili. Per il cyberbullo il comportamento tenuto nei confronti dei giovani presi di mira è quasi la normalità, il più delle volte è inconsapevole della gravità delle proprie azioni e del peso che possono avere le sue parole. Il ruolo delle famiglie e della scuola è fondamentale per controllare tali comportamenti. Il 17 maggio del 2017 è entrata in vigore la prima legge sul cyberbullismo in Italia, che prevede. Questa legge punta a favorire una maggiore consapevolezza fra i ragazzi sull’importanza di non assumere atteggiamenti persecutori e, per la prima volta, fornisce una definizione giuridica di “cyberbullismo”. Inoltre, ciascun minore ultraquattordicenne vittima di cyberbullismo può inoltrare al titolare del trattamento o al gestore del sito del social una istanza per l’oscuramento, la rimozione o il blocco dei contenuti diffusi in Rete.

Francesca Menegoni 4°U